background

Elisa Colombo d’argento!

Eli5.jpg

next Mentre a Busto la sala di scherma si riempiva di bimbi e giovanissimi (per non parlare di parenti e accompagnatori), per le gare organizzate dalla Pro Patria, di cui vi diremo poi, Elisa era ad Acireale col Maestro Marco Malvezzi e la mamma Cinzia per la gara finale: quella per i migliori 40 cadetti, o giù di lì, per ogni arma, dopo le prove di selezione. E quindi, mentre eravamo tutti impegnati a far funzionare al meglio le cose, col cuore eravamo divisi: metà di qua e metà di là, dove Elisa affrontava l’impegno più importante dell’anno.

http://www.jsira.com/help-friend-essay.html help friend essay Eli4.jpg

Non ci ha delusi, la nostra Elisa, e nella prima giornata di gare (perché si è qualificata anche per la prova finale della categoria superiore, le giovani) solo i crampi le hanno impedito di giocarsi davvero il titolo con la vincitrice della gara, la jesina Rossini: da cui, ad onor del vero, aveva perso nel girone iniziale (4 vittorie e due sconfitte): ma ogni occasione è buona, per chi ci crede, per rovesciare il pronostico, e non sarebbe stata la prima volta, per Elisa. Superato lo scoglio dei gironi, era al 16° posto del tabellone della diretta: dopo aver superato per 15/7 la Lorito, di Arezzo, la nostra si trovava di fronte la numero uno del tabellone di diretta, la Gambino, di Ariccia, superata di slancio, per 12/4. A questo punto, tra le prime otto della gara, l’assalto per il podio era contro la Grimaldi, superata per 15 stoccate a 12. Per l’argento, si ritrovava con la Pappone, di Frascati, e la batteva per 6/5. Assalti sofferti, questi ultimi, che la portavano in preda ai crampi alla finalissima contro la Rossini, per un incontro senza storia.

Eli2.jpg

Il giorno dopo, affaticata, ma ancora combattiva, Elisa superava il turno eliminatorio fra le giovani con tre vittorie e tre sconfitte, ritrovandosi al 19° posto del tabellone della diretta, e con la stessa Pappone da lei battuta di misura il giorno prima. La sfortuna, la stanchezza o la voglia di rivincita dell’avversaria, non sappiamo: fatto sta che non ce l’ha fatta (6/8 le stoccate), e si è dovuta contentare del 21° posto della classifica finale.

Eli3.jpg

Complessivamente, quindi, un ottimo risultato, per lei e per il fioretto bustocco, che sarà certamente premiato con la meritata convocazione fra le azzurrine: e con la conferma del fatto che il talento c’è, e il lavoro paga. Proseguiamo sulla buona strada, dunque. E complimenti vivissimi alla nostra Elisa.

source site  

comments
2017  Pro Patria Scherma Busto Arsizio  globbers joomla templates